×

Un detto del profeta Muhammad, la pace sia con lui, riferisce “Dio bello, ama la bellezza”. La religione islamica vede la bellezza nella totalità dell’essere umano, nella vita terrena, nell’Aldilà, è una questione materiale, estetica, spirituale, mentale, sentimentale. La bellezza sta nel trovare l’equilibrio in queste armonie. Dio è bello e ama la bellezza e ha creato l’uomo che ama la bellezza, nella nostra natura, nel nostro DNA abbiamo l’amore per la bellezza. Se dobbiamo scegliere tra una cosa bella e una brutta, sceglieremo quella bella.

L’Islam invita il Musulmano a seguire la strada della bellezza non in senso superficiale, in tantissimi versetti del Corano il Musulmano deve abbellire se stesso se va in Moschea, nel luogo di preghiera, sarebbe meglio andare con i vestiti più belli, pulito e profumato, e fare la sua preghiera con bellezza. Perché la bellezza punta all’armonia, per cui non deve essere una questione né esagerata né trascurata: l’equilibrio, l’armonia, l’apertura. Il senso della cura di se stessi. Questa bellezza tocca tutti i punti di vista, interiori ed esteriori, intendendo le questioni interiori come rapporto con Dio.

Anche nel matrimonio, il Profeta Muhammad, la pace sia con lui, chiarisce che si decide di sposarsi per diversi motivi: la ricchezza, il nome della famiglia, la bellezza, la fede. La ragione più importante è sposarsi per la fede, se ci sono tutte queste motivazioni insieme è meglio, ma se si deve scegliere suggerisce di non scegliere solo sulla base della bellezza estetica. Uno dei compagni del Profeta gli disse di essere fidanzato con una ragazza, stiamo parlando di 1438 anni fa, e il Profeta chiede se l’avesse mai vista. Il compagno risponde di no, e il profeta gli dice di andare subito a vederla, perché non ci possiamo sposare con una persona che non ti piace. Perciò anche se non è principale, anche la bellezza estetica ha un suo ruolo, soprattutto se poi devi convivere con una persona.

Spesso si pensa che i Musulmani non debbano sorridere, non debbano interessarsi di questa vita terrena, perché crediamo nella vita al di là, ma un altro detto del Profeta dice “Il tuo sorriso in faccia a tuo fratello è una Zakat (offerta)” , cioè un’offerta che fai a tuo fratello, che non costa niente anche se oggi come oggi è sempre più difficile. Questa è bellezza.

In tantissimi versetti del Corano si legge che l’uomo è la creatura più bella fatta da Dio, nell’armonia del corpo, nelle proporzioni del viso, in questo c’è una grande bellezza. C’è un altro motivo di bellezza quella morale, l’etica, per esempio la bellezza della pazienza. Quando si recita nel Corano la storia di Giuseppe e i suoi fratelli, Dio chiede a Giuseppe di avere una pazienza “bella”. Un altro tipo di bellezza è il perdono, avere un bel perdono vuol dire metterci il cuore, non si può perdonare con arroganza. Anche il divorzio di una coppia può essere “bello”, nel Corano si dice che anche se è una separazione difficile, va portata avanti con bellezza, con responsabilità.

Bellezza vuol dire avere anche buon gusto, pur parlando di argomenti relativi, il buon gusto si trova nel DNA, se la nostra anima è rimasta pura, tranquilla. Certamente questa bellezza l’abbiamo vista sviluppata nell’Islam su un piano anche estetico, in diverse questioni, visto che l’Islam non permette di disegnare la figura, la bellezza è stata applicata all’architettura, ai giardini islamici, alla calligrafia. In India, nella cultura islamica, abbiamo come esempio il Taji Mahal, o le Moschee, una meraviglia. Lo stesso nella poesia, nel modo islamico ci sono poeti incredibili da Ibn Al Rumi, ad altri migliaia che hanno scritto cose meravigliose, che parlano di bellezza tra l’altro. Credo che il nostro ruolo, e di tutte le fedi religiose, oggi sia quello di far uscire la nostra bellezza, perché Dio ha creato questa vita per viverla bene, per viverla in bellezza, non nell’attesa di una ricompensa nell’Aldilà.

C’è un altro detto del Profeta Muhammad, la pace sia con lui, che dice “ Dio ama vedere l’effetto dei suoi dono sul suo credente” se uno è benestante deve trasmettere questo dono che gli è stato fatto, non deve essere avaro, certamente senza eccesso. Condividire, amare, sorridere, essere grati, sono tutte forme di bellezza, sono secondo me la vera bellezza.

Potrebbe interessarti anche...