×

L’alluvione che ha colpito la città di Genova ci ha toccato profondamente, e innanzi tutto vogliamo esprimere, solidarietà e vicinanza.
La nostra dottrina c’insegna che dopo la missione del Profeta Muhammad, una misericordia per i mondi, Allah non manda più castighi mediante gli elementi. Le catastrofi che si abbattono rovinosamente sull’umanità sono quasi sempre dovute all’incuria umana.

Ancora una volta la fragilità del territorio italiano, aggravata dalla speculazione e dalle pastoie burocratiche si acclara drammaticamente. La società degli uomini si fonda sulla condivisione di un territorio e condivisione di valori. Tra essi la salvaguardia della terra delle vite e dei beni,  Per questo auspichiamo che un piano generale per il riordino idro-geologico del Paese possa essere avviato quanto prima.

L’UCOII è vicina e solidale alle genti di Genova che stanno reagendo con grande forza e determinazione all’evento e invita i giovani musulmani della città e non solo quelli, ad esprimere la loro e la nostra solidarietà rendendosi disponibili a dare una mano dove serve.

Allah protegga Genova e chi fa il bene.

La direzione Ucoii
Roma 13 ottobre 2014