Accogliamo l’appello del Papa per pregare insieme il 14 maggio

<< Aderiamo all’appello di Papa Francesco per pregare insieme e implorare Dio affinché aiuti l’umanità a superare questa pandemia >> afferma Yassine Lafram, Presidente dell’UCOII.

L’appello era arrivato al termine dell’Angelus di domenica 3 maggio 2020: 

“E poiché la preghiera è un valore universale, ho accolto la proposta dell’Alto Comitato per la Fratellanza Umana affinché il prossimo 14 maggio i credenti di tutte le religioni si uniscano spiritualmente in una giornata di preghiera e digiuno e opere di carità, per implorare Dio di aiutare l’umanità a superare la pandemia di coronavirus. Ricordatevi: il 14 maggio, tutti i credenti insieme, credenti di diverse tradizioni, per pregare, digiunare e fare opere di carità.”

In questa situazione di emergenza siamo stati obbligati ad allontanarci ed isolarci. Ma come comunità islamica e come cittadini di questo paese siamo chiamati alla fratellanza e vicinanza con le altre confessioni religiose, per questo motivo abbiamo deciso di accogliere con molto piacere l’invito del Papa a unirci tutti umilmente in preghiera e digiuno, per esprimere la nostra solidarietà a chi è ammalato di Covid-19 e a chi si dedica a loro. 

Come UCOII esortiamo le comunità islamiche in tutta Italia ad unirsi a tutti noi in questa lodevole iniziativa prevista per giovedì 14 maggio 2020.

 

Roma, lunedì 11 maggio 2020